venerdì 31 luglio 2009

Joanne Harris - Le scarpe rosse - ed. Garzanti

Visto che in vacanza non ci si porta un libro di ricette, sopratutto se si fanno le vacanze in tenda al mare come me, ho finito di leggere per voi il proseguimento di Chocolat... ma quando mai???? diciamocelo, l'ho fatto perché non vedevo l'ora di finirlo!! :-P
Che non vedessi l'ora di finirlo può significare solo due cose: o è un libro che devi leggere e allora te lo vuoi togliere da davanti, o è un libro che leggi per il puro piacere di leggere e ti sta appassionando.... e questo è decisamente il secondo caso!
La storia è avvincente e scritta bene, torna a trattare temi importanti come l'integrazione, l'omologazione, il pregiudizio, l'identità, la realizzazione di sé... ma con la leggerezza che ha contraddistinto Chocolat, e, ovviamente, si parla ancora tantissimo di cioccolata! (quindi, come poteva non piacermi?).
E' un libro a tre voci, in ogni capitolo la voce narrante è affidata ad un personaggio diverso: Vianne, Anouk e Zozie, personaggio, quest'ultimo, centrale in questo nuovo racconto e assente nel precedente (quindi non vi arrovellate per ricordarvelo!), la storia si svolge quattro anni dopo, come recita la quarta di copertina "sono passati quattro anni da quando Vianne Rocher - l'eroina di Chocolat - ha lasciato Lansquenet con la figlia Anouk. Lo scandalo e le chiacchiere le hanno seguite, perseguitate, minacciate di villaggio in villaggio, ancora di più quando Vianne ha dato alla luce la piccola Rosette. Alla fine hanno trovato rifugio a Montmartre, a Parigi, e nell'anonimato della metropoli Vianne ha aperto una cioccolateria. Eppure tutto è diverso da prima. Ha abbandonato i tarocchi, gli incantesimi, la magia, il suo stesso nome.
Il vento ha smesso di soffiare - almeno per un po'. Finché nella sua vita non arriva Zozie dell'Alba, la seducente signora con le scarpe rosse. Dà una mano in negozio e ben presto, con la sua vitalità e simpatia, conquista la fiducia di Vianne e sopratutto di Anouk. Ma Zozie non è quello che sembra, e la sua ambiguità cela un piano malvagio..."

Non vi racconterò la storia, né vi svelo niente di fondamentale con questo passaggio che mi è piaciuto particolarmente, la voce narrante è quella di Anouk:
"Nevica, finalmente. Ha nevicato tutto il giorno. Grossi e grassi fiocchi da favola come girandole dal cielo d'inverno. La neve cambia tutto, così dice Zozie, e già la magia comincia a funzionare: cambia negozi, case, parchimetri in morbide sentinelle bianche mentre la neve cade, grigia contro il cielo luminoso, e a poco a poco Parigi scompare: ogni fiocco di fuliggine, ogni bottiglia buttata via, ogni pacchetto di patatine, cacca di cane e involucro di dolci rigenerato e rinnovato sotto la neve.
Questo non è vero, naturalmente. Eppure sembra vero, come se stasera le cose potessero cambiare davvero, e tutto andasse a posto, invece di essere soltanto ricoperto dalla glassa di una torta di scarsa qualità."

Se decidete per questa lettura vi segnalo che forse la lettura di Chocolat potrebbe essere importante prima, io non l'ho letto e a momenti mi è sembrato che mi mancasse qualcosa (a parte Johnny Depp... ma che c'entra?), mentre della stessa autrice vi segnalo l'esistenza di un ricettario (di cui abbiamo parlato nelle pagine di pasticci & pasticcini, nel post che ha originato questa sezione) e un'immensità di altri libri che trovate qui (dei quali sicuramente qualcuno finirà nella mia libreria a breve!).

ps ... due ricettari!! quello che pensavo fosse un libro teorico in realtà è un altro ricettario e sembra molto interessante!

3 commenti:

  1. fantastico evelyne!!!!!!
    pure uno spazio dedicato alla cultura....ma sei insuperabile! le pensi di notte? secondo me sì...dormi poco missà!

    brava, mi piace moltissimo! mi ricorda quando lavoravo in una libreria on-line...

    RispondiElimina
  2. dormo poco sì.... pistone mi sveglia fuseggiando in piena notte (tutte le notti) perché vuole un po' di coccole... dimmi tu se non è amore (il mio)! la libreria on-line per me è un sogno.... ma penso che spenderei più di quanto guadagno, un disastro!

    RispondiElimina
  3. Devo dire che è una splendida recensione, e mi trovo d'accordissimo con te. Ti ho trovata cercando una recensione su 'La Maga delle Spezie', che ho appena finito e mia volta recensito.
    Ti seguirò spesso^^
    un saluto dalla Zia Artemisia

    RispondiElimina